Qualità e Ambiente

Pozzoli spa > Qualità e Ambiente

Un’impresa sostenibile e responsabile, per un packaging ecologico

Sostenibilità per noi di Pozzoli fa rima con responsabilità, vuol dire concepire il nostro lavoro come una forza positiva che, oltre a perseguire il business, si impegna attivamente nella creazione di una società migliore. Profondamente convinti che il futuro di tutti dipenda dalle scelte e dall’impegno sociale, etico e ambientale di ciascuno, ogni giorno diamo il massimo per rendere la nostra attività più responsabile e il nostro packaging ecosostenibile.

SMETA-Logo-Options-Final-RGB-2222

Verso le persone

Il nostro impegno parte dalla garanzia di un luogo di lavoro salutare e sicuro per le donne e gli uomini che fanno parte della nostra organizzazione, nel rispetto degli standard e delle normative internazionali più stringenti, ma anche dei valori etici che da sempre caratterizzano l’azienda e che dai primi anni del 2000 sono sintetizzati nel nostro Codice Etico. Il risultato è un ambiente di lavoro che mette al bando ogni forma di discriminazione, che sia di genere, religione, credo politico, di età o di orientamento sessuale, e valorizza le differenze e il potenziale di ciascuno.

Verso l’ambiente

Per noi di Pozzoli l’impegno ambientale non si limita a riconoscere il valore intrinseco delle risorse, ma si traduce nell’impegno costante a ridurre l’impatto complessivo delle nostre attività sull’ambiente, attraverso la selezione dei materiali migliori e dei processi industriali più appropriati per realizzare ogni packaging. I nostri processi sono volti a ottimizzare le risorse naturali ed energetiche e ci impegniamo per promuovere un packaging ecologico che si caratterizza per il suo design eco-friendly e sempre più frequentemente plastic free. L’impegno di Pozzoli a favore della sostenibilità è espresso attraverso la sua Politica integrata degli aspetti di Qualità, Ambiente, Salute e Sicurezza (scopri di più), in stretta coerenza rispettivamente con le Certificazioni UNI EN ISO 9001:2015, UNI EN ISO 14001:2015 e OHSAS 18001. Ma non solo, dal 2007 possiamo vantare la certificazione FSC® (Forest Stewardship Council®), mentre dal 2008 aderiamo al PEFC™ (Programme for Endorsement of Forest Certification Scheme). Chiara è infatti la nostra volontà di farci promotori di un packaging sempre più sostenibile.

Pozzoli ambiente
packaging ecologici

La “Foresta Pozzoli”

Se la responsabilità è l’attitudine a rispondere, nel 2020 Pozzoli ha deciso di affidare la propria risposta in tema ambientale ad un’azione concreta: la creazione, in collaborazione con Treedom, della “Foresta Pozzoli” (scopri di più). Situata tra Kenya e Camerun e già composta da 200 alberi da frutto di diverse specie – come l’albero del Cacao, la Grevillea e la Moringa – questa foresta è un nostro ulteriore contributo alla riduzione di CO2 a livello globale, alla tutela della biodiversità, al contrasto all’erosione del suolo, ed è un sostegno reale all’economia del territorio.
Non soltanto un dono fatto alle generazioni future, ma un impegno tangibile a ridurre il nostro impatto sull’ambiente e a favorire uno stile di vita più sostenibile tra i nostri collaboratori, fornitori e clienti.
Un impegno che Pozzoli ha promosso tra tutti i propri clienti donando loro la possibilità di adottare i suoi alberi.
Ma non solo, a nome di tutti i collaboratori Pozzoli, è stato piantato uno degli alberi della nostra foresta, in particolare una Grevillea robusta, pianta tenace, dal portamento fiero e, in pieno spirito Pozzoli, capace di resistere anche le situazioni più avverse e di prendersi cura degli altri, proteggendo dal vento le giovani piante, trasformandosi in mangime per gli animali e, attraverso la fissazione dell’azoto, migliorando la qualità del suolo dal quale prende vita.

Paesi
Alberi già piantati
-
Kg di CO2 catturata

Gli alberi che Pozzoli ha già scelto di piantare assorbono dall’atmosfera una quantità di CO2 che basterebbe a riempire ben 173 tir.

Ma non solo, la foresta creata in collaborazione con Treedom finanzia le comunità locali, sostenendo il loro lavoro nei primi anni, quando ancora gli alberi non sono produttivi. Queste comunità ricevono così know-how e supporto tecnico per la piantumazione e la gestione degli alberi, garantendo loro nel tempo sovranità alimentare ed opportunità di reddito.